Risultati relativi al 1° semestre e al 2° trimestre 2018

Giovedì, 02 Agosto 2018

Results

Giovedì 2 agosto, Amundi pubblica i propri risultati per il primo semestre e il secondo trimestre 2018. Come l’attività, gli utili registrano una forte progressione e si confermano in anticipo rispetto al piano industriale. Un alto livello di redditività raggiunto grazie in particolare alle sinergie legate al successo dell’integrazione di Pioneer. L’attività è stata sostenuta (+42.4 Mld€) grazie al Retail, agli asset a medio e lungo termine e alle attività internazionali.

Questi risultati, in anticipo rispetto al piano industriale, confermano la solidità della struttura finanziaria del Gruppo;  una solidità sottolineata in particolare dall’agenzia di rating Fitch, che ha confermato in giugno 2018 il rating A+ di Amundi  , uno dei migliori del settore.

  

  

Il primo semestre 2018 si chiude su un’attività di buon livello (afflussi netti di 42.4 Mld€4), portando le masse1 in gestione a 1 466 Mld€, con un utile netto rettificato di 492 M€ (in sensibile aumento, con +13,6 %2) superiore agli  obiettivi annunciati  3.  

Gli afflussi1 netti del secondo trimestre (+2,6 Mld€) si attestano a un livello superiore a quello del T2 20172 (-2,9 Mld€ di afflussi netti combinati), trainati principalmente dal Retail (+12,9 Mld€); sull’Istituzionale (-10,3 Mld€) pesano invece i deflussi stagionali sui prodotti di tesoreria, utilizzati dai Corporate in particolare per il pagamento dei dividendi. 

L’utile netto di Gruppo rettificato4 si attesta a 252 M€ (+12,2 % vs T2 2017).

  

Tutti i risultati sono disponibili preso il nostro sito Corporate   

   

1. Masse e afflussi, inclusi gli attivi in advisory e commercializzati, ivi compreso il 100% delle masse in gestione e degli afflussi delle JV asiatiche; per Wafa in Marocco, le masse gestite sono riprese in quota parte

2. Variazione rispetto a dati comparabili (6 mesi Amundi + 6 mesi Pioneer, o 3 mesi Amundi + 3 mesi Pioneer) e rettificati

3. Obiettivo calcolato sulla base di un utile netto 2017 giustificato e combinato, escludendo il livello non ricorrente dei proventi finanziari. Comunicato del 09/02/2018

4. Dati rettificati al S1 2018: prima dell’ammortamento dei contratti di distribuzione (25 M€ al netto delle imposte) ed esclusi i costi di integrazione di Pioneer (12 M€ al netto delle imposte). Al T2 2018: prima dell’ammortamento dei contratti di distribuzione (12 M€ al netto delle imposte) ed esclusi i costi di integrazione di Pioneer (6 M€ al netto delle imposte). Si veda la metodologia a pagina 7 del presente comunicato.

Altre news

Punto sui Mercati
06/06/2019 Video

Punto sui Mercati - Giugno 2019

I mercati hanno registrato una battuta d'arresto in maggio dopo un aumento quasi ininterrotto dall'inizio dell'anno. La ragione principale è stata l'inasprirsi delle tensioni  commerciali internazionali. Nonostante la speranza, all'inizio del mese, che gli Stati uniti e la Cina potessero trovare un accordo commerciale, un messaggio del presidente Trump su Twitter, il 5 maggio, ha annunciato un drammatico cambiamento della situazione. Scopri di più, guarda il video di Tristan Perrier del team Strategy & Research.

elezioni europee
29/05/2019 Economica e mercati

Elezioni Europee: i giochi non sono finiti, opportunità dalle divergenze

I risultati sono sostanzialmente in linea con le indicazioni dei sondaggi, anche se con una piccola sorpresa "Pro-istituzione". Insieme, tutte queste forze Pro-istituzione europeiste rappresentano circa il 67% dei membri del Parlamento vs il 70% pre-elezioni. I due principali partiti storici possono costruire la maggioranza attraverso una coalizione con il Centro liberale, o con i Verdi: sarà un po' più difficile di quanto si era abituati nel passato, ma in ogni caso possibile.